Odissea web di un follower del @sole24ore

Seguo @sole24ore su Twitter, trovo che molti articoli siano ricchi di contenuti e del resto devo avere una forte motivazione per raggiungere la pagina web contenente l’articolo perché prima di arrivarci il mio browser viaggia inutilmente per il web.
Ecco un esempio. Scorro gli ultimi messaggi del “Sole” e ne trovo uno interessante.

Tweet de @sole24ore
Un tweet de Il Sole 24 Ore che rimanda ad un articolo.

Decido di leggere l’articolo e clicco sul link: bit.ly/1444Ayx. bit.ly è un servizio di riduzione url, url-shortening, cui spesso si affida Il Sole 24 Ore per proporre i suoi articoli. Quando hai solo 140 caratteri per esprimere il tuo pensiero ogni lettera conta. Dunque ha senso affidarsi ad un servizio del genere. Peccato che, proprio su Twitter, non ce ne sia alcun bisogno visto che ogni indirizzo presente nel micro messaggio è automaticamente accorciato grazie al servizio di riduzione url offerto automaticamente da Twitter per mezzo del suo t.co, e questo dal lontano giugno 2011.

un dettaglio della Home Page su Twitter di @sole24ore
Un servizio di riduzione url tira l’altro. :)

Ritorno ora al principio della mia odissea: clicco su di un link t.co che a sua volta rimanda ad un secondo servizio di url shortening bitl.ly, quello scelto dal “Sole”. Ora è la volta di questo indirizzo.

http://feeds.ilsole24ore.com/c/32276/f/438662/s/2bf7372c/l/0L0Silsole24ore0N0Cart0Ctecnologie0C20A130E0A50E150Cgoogle0Elancia0Eservizio0Emusica0E1810A520Bshtml0Duuid0FAbLrTBwH/story01.htm?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter

Ma di questo non mi accorgo nemmeno perché il mio browser riceve subito istruzioni per raggiungere:

http://da.feedsportal.com/c/32276/f/438662/s/2bf7372c/l/0L0Silsole24ore0N0Cart0Ctecnologie0C20A130E0A50E150Cgoogle0Elancia0Eservizio0Emusica0E1810A520Bshtml0Duuid0FAbLrTBwH/ia1.htm

Qui trascorro almeno 15 secondi per prendere visione di uno spot pubblicitario che, bontà loro, se voglio, posso saltare a più pari, ma per farlo dovrei cliccare su di un link per raggiungere (finalmente) l’articolo. Sulle prime non clicco: e se poi mi fanno fare un altro giro di giostra?

Finalmente raggiungo il mio obiettivo: l’articolo. Lo trovo a questo indirizzo:

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2013-05-16/google-lancia-servizio-musica-093208.shtml?uuid=AbTIPLwH

Ricapitolando ecco cosa accade quando clicco sul link:

Da A
t.co bit.ly
bit.ly feeds.ilsole24ore.com
feeds.ilsole24ore.com... da.feedsportal.com...
da.feedsportal.com... www.ilsole24ore.com/art/tecnologie...

Sarà di sicuro un ottimo articolo ma trovo poco sano quest’uso della tecnologia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *