Distopico, molto distopico, pure troppo

There’s something really liberating about having some corner of your life that’s yours, that no one gets to see except you.

Cory Doctorow – Little Brother

Non essere malvagio (Don’t be evil) è il motto di Google. Brinderai alla mia ingenuità se ti confido che non riesco a convicermi del tutto che un’azienda che scelga questo slogan sia una sorta di super spione che si preoccupi di seguire ogni mia mossa in rete.

Con ciò non voglio dire che non sia preoccupato di certe argomentazioni, penso ad esempio al video “Free is a lie” di Aral Balkan che ho visto di recente. Nei prossimi giorni guarderò il documentario “Terms and Conditions May Apply” e forse cambierò idea su questo una volta per tutte. Per ora resiste la flebile speranza che le cose non stiano esattamente come Balkan e altri sostengono.

Tutto questo però mi ha portato a fare una banale considerazione, che pur nella sua semplicità, finora mi era sfuggita:

Google Public DNS

Per navigare utilizzo i DNS pubblici di Google, se Wikipedia definisce DNS così:

Il sistema dei nomi di dominio, in inglese Domain Name System (spesso indicato con l’acronimo DNS), è un sistema utilizzato per la risoluzione di nomi dei nodi della rete (in inglese host) in indirizzi IP e viceversa.

Wikipedia – pagina Domain Name System

Google sa essere ancora più efficace ricorrendo ad una metafora: il lavoro svolto dal protocollo DNS è assimilabile a quello di un’agenda telefonica. Questo servizio è fondamentale per muoversi in rete e Google si preoccupa di spiegarci perché il suo Google Public DNS sia più rapido di quello fornito del mio internet provider. Insomma è una servizio gratuito, veloce e da quando in alcuni Paesi con deficit democratico si è tentato di limitare l’accesso alla rete, gli indirizzi che Google offre per fruire di questo servizio hanno assunto anche un certo fascino da rivoluziario (sempre che sia possibile comodamente da casa e in pantofole).

Per utilizzare il servizio DNS di Google è necessario impostare gli indirizzi IP che vedi in foto.
Per utilizzare il servizio DNS di Google è necessario impostare gli indirizzi IP che vedi in foto.

Questa foto ha fatto il giro del mondo solo pochi mesi fa e dimostra come si si cercato di utilizzare i DNS di Google per aggirare il blocco di Twitter.

Ebbene per farla breve io utilizzo Google Public DNS e questo significa che Google sa esattamente cosa visito quando mi collego in rete.

Rete Wi-Fi

La mia rete Wi-Fi è quasi sempre accesa. È stata localizzata geograficamente da una Google Car quando è passata per il mio comune. Google ora ne conosce con uno straordinario grado di approssimazione latitudine e longitudine.

Una di queste auto, oltre a geolocalizzare la mia rete wi-fi domestica mi ha anche scattato una foto nel giardino di casa di amici!
Una di queste auto, oltre a geolocalizzare la mia rete wi-fi domestica mi ha anche scattato una foto nel giardino di casa di amici nell’agosto del 2011!

GMail

GMail è il mio servizio di gestione della posta da anni. Alcune delle ultime novità non mi sono piaciute molto ma resta impareggiabile. Google potenzialmente conosce le persone che mi stanno più a cuore o quantomeno quelle a cui scrivo più spesso. Uso di rado sia Google Docs che Drive ma nella mia casella di posta conservo parecchi documenti importanti, come credo capiti a molti di noi. Una miniera di informazioni cui Google ha pieno accesso. Non pago nulla per questo servizio proprio perché permetto a Google di analizzare al microscopio i dati della mia email.

Motore di ricerca

La home page di Google è la pagina che visito più spesso. Google ha un’idea molto precisa di quello che cerco in rete non solo perché il mio traffico passa dai suoi DNS ma anche perché sa cosa e come cerco le informazioni di cui mi nutro durante i miei accessi in rete.

Google Analytic

Per capire cosa interessa di più ai miei lettori e per avere un riscontro oggettivo sul grado di popolarità di un tema, utilizzo Google Analytics sul mio blog.

Browser

Tiro un sospiro di sollievo a questo punto perché uso per lo più Firefox (diciamo l’80% – 90% delle volte) ma in alcuni casi uso anche Google Chrome.

Dopo questo elenco inizio a pensare che nella remota ipotesi dovessi risultare antipatico a Google la mia vita in rete sarebbe un inferno, forse non sarebbe affatto possibile. È per questo che ho pensato di mettere in pratica una politica di progressiva diversificazione. In ogni campo diversificare equivale a mitigare i rischi. Lasciare che un’unica azienda abbia una visione così completa del mio utilizzo della rete inizia a sembrarmi soffocante.

Documenterò in altri post i miei passi per allentare questa presa.


P.S.: Che coincidenza! Oggi è il 4 luglio, negli USA si festeggia il giorno dell’indipendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *